Cisl Medici dei Laghi: “Irricevibili le dichiarazioni dell’assessore Moratti” 

La Cisl Medici dei Laghi condivide e sostiene la posizione assunta dal Segretario Generale nazionale della Cisl Medici in merito alle recenti soluzioni proposte dall'assessore regionale alla Sanità Moratti per ovviare ai problemi della carenza di medici di base. «Dichiariamo la nostra totale contrarietà di fronte alle ultime esternazioni dell’assessore alla Sanità Letizia Moratti sul quotidianosanità.it – dichiara Paolo Iaria, segretario generale Cisl Medici dei Laghi –.  "Gli infermieri – le parole dell’assessore - saranno impiegati anche in tema di cure primarie, come supplenti dei medici, per affrontare la carenza di medici di medicina generale'"».

«Dichiarazioni totalmente irricevibili e incompatibili - aggiunge Iaria - con la specificità e l'unicità della professione medica. Con tutto il rispetto per la categoria degli infermieri, che svolgono una professione essenziale per il funzionamento del nostro sistema sanitario, l'atto medico è di competenza del medico chirurgo! Non si possono attribuire a dei professionisti competenze diverse rispetto a quelle del proprio ruolo... Senza medici la medicina non si fa!»

Stampa